Claudio Venza e Simonetta Lorigliola


Device

Microfisica di un movimento Economia occupata. Trieste, dicembre 1969 

di Claudio Venza e Simonetta Lorigliola

Prefazione di Marcello Flores 

L’occupazione del dicembre 1969 nella facoltà di Economia dell’università di Trieste ha rappresentato un paradosso che ha generato un mutamento: da una facoltà tradizionalista, con docenti conservatori e una grande maggioranza di studenti poco «impegnati», è partito l’innesco del Movimento all’università. Il Sessantotto si è sviluppato qui tra il 1969 e il 1970. Quell’occupazione ha avuto una sua positiva «microfisica» nella molteplicità di atti collettivi che hanno popolato quella comune, ma al tempo stesso singolare, esperienza politica. Microfisica di un movimento è un contributo storico utile ad ampliare lo sguardo pensando all’esperienza triestina come a un vero e proprio case study da inserire nell’ampia ricerca e nella corposa letteratura sul tema della contestazione studentesca. L’analisi dei documenti originali e la raccolta di testimonianze inedite permette di comprendere le peculiarità del ’68 triestino, la sua relazione con la città e con il paese. Ma anche la sua capacità di incidere sulla vita, sulle relazioni e sul futuro di un intero territorio culturale, psichico e sociale.

Claudio Venza si è laureato in Economia a Trieste nel 1970 ed è stato tra i protagonisti del Movimento studentesco. È storico contemporaneista, con particolare riferimento alla storia della Spagna contemporanea. È stato docente negli Istituti superiori, poi assistente e, infine, professore presso il Dipartimento di Storia dell’università di Trieste. Ha curato numerose pubblicazioni e ha ricoperto la carica di direttore della rivista «Spagna contemporanea». È direttore della storica rivista libertaria «Germinal». È autore, tra le molte pubblicazioni, di «Anarchia e potere nella guerra civile spagnola» (Eléuthera, 2009) e «Umberto Tommasini. Il fabbro anarchico» (Odradek, 2010), una biografia politica del noto militante triestino. 

Simonetta Lorigliola si è laureata alla facoltà di Lettere e filosofia dell’università di Trieste nel 1998, con una tesi in Storia dell’Italia contemporanea. È stata poi ricercatrice presso l’Archivio FIOM di Sesto San Giovanni (MI) occupandosi delle attività dell’Ufficio vertenze dagli anni Cinquanta ai Settanta. Lavora nell’ambito della comunicazione e dell’editoria. Ha diretto la rivista «Konrad». È autrice e giornalista, con particolare riferimento all’ambito della cultura materiale.

 

Quaderni di Qualestoria 44

ISBN 9788898796212

20 €



Altre pubblicazioni

Quando si depongono le armi. Spunti di ricerca nell’area al confine orientale 1945-1954

Loudovikos Skarpas. Il Consolato Greco a Trieste negli anni della Shoah (1938 - 1940)

«Si soffre ma si tace». Luigi Frausin, Natale Kolarič: comunisti e resistenti

«Si scopron le tombe» Ricordare. commemorare, evocare i caduti della Grande guerra

Cercare giustizia. L'azione giudiziaria in transizione. Atti del convegno internazionale: Trieste, 15-16...

Guido Miglia. Rivivere l'Istria

Il bibliotecario di Ventotene Mario Maovaz: un rivoluzionario per l’Europa dei popoli e l’autonomismo...

Gli «Ottimi italiani». Assistenza e propaganda italiana in Istria (1946-1966)

Il difficile cammino della Resistenza di confine. Nuove prospettive di ricerca e fonti inedite per una storia...

Diario di un regnicolo 1915-1919. Trieste, Wagna, Katzenau, Udine, Firenze, Macerata

«Offesa all’onore della donna». Le violenze sessuali durante l’occupazione cosacco-caucasica della...

Per fame o per convinto. Storie di vita e di Resistenza nel mondo contadino. San Leonardo Valcellina 1900-1950

Massoneria e irredentismo. Geografia dell’associazionismo patriottico in Italia tra Otto e Novecento

L’irredentismo armato. Gli irredentismi europei davanti alla guerra. Atti del Convegno di studi, Gorizia,...

Violenza e repressione nazista nel Litorale Adriatico 1943-1945

Redipuglia: il Sacrario e la memoria della Grande guerra 1938-1993

Memorie di partigiane e di partigiani della Provincia di Trieste

Carabinieri a Gorizia 1942-1945 Memorie degli anni bui

«La lotta è armata» Estrema sinistra e violenza: gli anni dell’apprendistato 1969-1972

La giustizia e la memoria. Luciano Rapotez, un caso giudiziario del dopoguerra

"Vita Nuova" 1945-1965. Trieste nelle pagine del settimanale diocesano

Fiume, D'Annunzio e la crisi dello Stato liberale in Italia

Storia e impegno civile. Con gli Atti della giornata di studio in ricordo di Teodoro Sala

Chi avrà Trieste? Sloveni e italiani tra due Stati

Il Fascismo italiano e gli Slavi del sud

Progettare il futuro. Le Acli di Trieste e dell'Istria 1945-1966

Orizzonti di guerra. Carso 1915-1917

Il confine scomparso. Saggi sulla storia dell'Adriatico orientale nel Novecento.

È bello vivere liberi: Ondina Peteani. Una vita tra lotta partigiana, deportazione ed impegno sociale.

Dietro la cortina di bambù. Dalla resistenza ai vietminh. Diario 1946-1958.

Le triestine. Donne volitive. Presenza e cultura delle donne a Trieste tra Ottocento e Novecento.

La seconda resistenza del CLN italiano a Pirano d’Istria nel dopoguerra (1945-1946).

Il Partito Nazionale Fascista a Trieste. Uomini e organizzazioni del potere 1919-1932.

Scuola e guerra fredda. Le istituzioni educative a Trieste 1945-1954.

«Sull’astro della miseria». Un paese e la dittatura. Concordia 1923-1939.

Trieste in guerra 1940-1945. Società e Resistenza.

Porzûs. La Resistenza lacerata.

La crisi di Trieste. Maggio-giugno 1945. Una revisione storiografica.

Fra Stalin e Tito. Cominformisti a Fiume 1948-1956.

Storia e memoria degli sloveni del Litorale. Fascismo, guerra e resistenza.

L’Austria nel Novecento dal primo al secondo dopoguerra.

Scuola e confine. Le istituzioni educative della Venezia Giulia 1915-1945.

Guadagnavo sessantun centesimi all’ora... Lavoro e lotte al Cantiere S. Rocco: Muggia 1914-1966.

Il tempo della memoria: settembre 1943- agosto 1944.

Vescovo e clero nella diocesi di Trieste- Capodistria 1938-1945.

Trieste in guerra. Gli anni 1938-1943.