a cura di Andrea Griffante


Device

Qualestoria, anno L, n.2, dicembre 2022

Assistere e unificare? Nation building, state building e welfare in Europa centrale (XX secolo)

Assist and Unify? Nation Building, State Building and Welfare in East Central Europe in the 20th Century

 

a cura di Andrea Griffante

 

Studi e ricerche

Studies and researches

 

Andrea Griffante        Introduzione        9

 

Andrea Griffante                      15

Cibo, nazione e lealtà politica. Il caso di Vilnius, 1919-1920

Food, National and Political Loyalty. The Case of Vilnius, 1919-1920

 

Francesca Rolandi                    37

Forgiare la nazione attraverso il lavoro sociale. Le associazioni di supporto ai profughi istriani nella Jugoslavia tra le due guerre

Shaping the nation through social work. Aid organizations for Istrian refugees in interwar Yugoslavia

 

Jakub Rákosník                        59

From national discrimination toward the intensifying class struggle: Czechoslovak Welfare State 1945-1956

 

Julia Nietsch                             75

Reinventing health and social care in Kosovo in the 1990s: the role and legitimation strategies of the Mother Teresa Society

 

Documenti e problemi

 

Balázs Juhász             109

Le colonie italiane come terra promessa? Lo strano caso della partecipazione ungherese all’esperienza italiana

The Italian colonies as a promised land? The strange case of the Hungarian participation to the Italian experience

 

Idalgo Cantelli                        123

Un esercito senza re. La chiamata di leva del marzo 1946 e il rifiuto della coscrizione nei fascicoli del Tribunale militare di Bologna

An army without a king. The call of conscription of March 1946 and the refusal of conscription in the files of the military court of Bologna

 

Davide Grippa                        143

Le radici del moralismo etico-politico dei democratici italiani: due frammenti della biografia di Gherardo Marone

The ethical roots of italian democrats: two crucial moments of Gherardo Marone’s biography

 

Giorgio Sangiorgi                   163

Le donne del Risorgimento nella cine matografia italiana. Filmografia

Women of the Risorgimento in Italian cinematography. Filmography.

 

Dante contemporaneo, dalla Grande guerra al fascismo

 

Fabio Todero Introduzione    171

 

Gianni Cimador                      175

«Sì com’ a Pola…»: il mito di Dante sul confine orientale

 «Sì com’ a Pola…»: The Myth of Dante on the eastern Border of Italy

 

Francesca Nodari                   219

Il mito di Dante da Trieste a Ravenna: focus su alcuni disegni preparatori relativi al concorso di primo grado per l’Ampolla dantesca donata dalle province irredente

The myth of Dante from Trieste to Ravenna: Focus on some preparatory drawings relating to the first-degree competition for Dante’s Ampulla donated by the unredeemed provinces

 

Nunzio Ruggiero                    233

1921: Dantismi di frontiera. Spazio e tempo del centenario dantesco sul confine orientale

1921: Dantism on the frontier. Space and time of Dante’s centenary on the eastern border

 

Fabio Todero             247

Dante, modernità e tradizione nella memoria della Grande guerra

Dante, modernity and tradition in the memory of the Great War

 

Ottocento globale. Il Risorgimento e l’età delle rivoluzioni

Forum a cura di Alessandro Bonvini, modera Luca G. Manenti

 

Messa a fuoco: la parola agli storici

Focus: historians speaking

 

Ambientalismi            279

Interventi di Giulia Malavasi, Luigi Piccioni, Lise Sedrez

 

Note critiche

Reviews

 

Anna Di Gianantonio                         287

Gian Luigi Bettoli, Elisabetta Michielin, Enzo Pagura, Valerio Romitelli, Marco Rossi, Le barricate del Torre, prefazione di Alessandro Portelli, ed. Associazione Casa del Popolo, Pordenone 2021

 

Gabriele Donato                     291

Angelo Ventrone, La strategia della paura. Eversione e stragismo nell’Italia del Novecento, Mondadori, Milano 2019

 

Angelo Gaudio                       295

Andrea Dessardo, Educazione e scuola. Nel pensiero di don Sturzo e nel programma del Partito popolare italiano, Studium, Roma 2021

 

Alessandro Mella                   299

Tito Lucrezio Rizzo, Il capo dello stato dalla monarchia alla repubblica (1848-2022), con prefazione e postfazione di Aldo A. Mola, Herald Editore, Roma 2022

 

Gloria Nemec                         303

Donne e guerra. Problemi, biografie, sguardi, a c. di Patrizia Gabrielli, Rocío Luque e Paolo Ferrari, Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano, Rubettino, Soveria Mannelli 2022

 

Deborah Paci             309

Enrico Serventi Longhi, Il dramma di un’epoca. L’affaire Dreyfus e il giornalismo italiano di fine Ottocento, Viella, Roma 2022

 

Gianpaolo Romanato                         313

La Casa Museo Giacomo Matteotti di Fratta Polesine (Rovigo) e le sue pubblicazioni

 

Elia Rosati                  317

Marco Cuzzi, Seicento giorni di terrore a Milano. Vita quotidiana ai tempi di Salò, Neri Pozza, Vicenza 2022

 

Fulvio Senardi                        319

Salvatore Pappalardo, Modernism in Triest. The Habsburg Mediterrenean and the Literary Invention of Europe, 1870-1945, Bloomsbury, New York-London 2021

 

Fabio Verardo                         325

Martina Salvante, La paternità nell’Italia fascista Simboli, esperienze e norme. 1922-1943, Viella, Roma 2020

 

Gli autori di questo numero            327

 

Andrea Griffante (1980) ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia presso l’Istituto Lituano di Storia di Vilnius. Si occupa di storia sociale e culturale della regione baltica in età contemporanea. Già borsista della Gerda-Henkel-Stiftung di Düsseldorf, è attualmente ricercatore presso l’Istituto Lituano di Storia di Vilnius. Tra i suoi scritti più recenti, si ricordano Oriente Baltico. Un secolo di sguardi italiani su Lituania, Lettonia ed Estonia (Roma 2018) e Children, Poverty and Nationalism in Lithuania, 1900-1940 (Cham 2019).

Julia Nietsch è dottoranda press il Centro di Studi Turchi, Ottomani, Balcanici e dell’Asia Centrale (CETOBaC) dell’EHESS Paris. Laureata presso l’Università “Heinrich-Heine” di Düsseldorf e l’Institut d’Etudes Politiques / Sciences-Po Paris, ha lavorato per più di tre anni in Kosovo e in Bosnia-Herzegovina con progetti di cooperazione. Attualmente è responsabile di un progetto di partnership pubblicoprivato per un’azienda francese.

Jakub Rákosník (1977) è professore associato all’Istituto di Storia Economica e Sociale della Facoltà di Lettere e Filosofia della Università Carolina di Praga. Si occupa principalmente di storia sociale contemporanea, storia dello Stato sociale, teoria sociale e teoria della storiografia. Tra le sue pubblicazioni, si ricordano Sovětizace sociálního státu: Lidově demokratický režim a sociální práva občanů Československa 1945-1960 (Prague 2010), Toward a Population Revolution? The Threat of Extinciton and Family Policy in Czechoslovakia 1930s-1950s, «Journal of Family History», n. 2, 2018, pp. 177-193 (con Radka Šustrova) e Four Stages of Human Development in Post-War Czechoslovakia, in Biopolitics in Central and Eastern Europe in the 20th Century, eds. B. Klich-Kluczewska, J. von Puttkamer, Immo Rebitschek (London 2022), pp. 195-225.

Francesca Rolandi ha conseguito il dottorato di ricerca in Slavistica presso l’Università di Torino. Si occupa di storia dei profughi e delle migrazioni nell’area alto adriatica e post-jugoslava. Ha svolto attività di ricerca presso l’Università e il Center for Advanced Studies dell’Università di Fiume, l’Università di Lubiana e l’Università della British Columbia Okanagan. Attualmente è ricercatrice presso l’Istituto e Archivio Masaryk dell’Accademia ceca delle scienze nell’ambito del progetto ERC Unlikely refuge? Refugees and citizens in East-Central Europe in the 20th century, all’interno del quale si occupa dell’accoglienza e del transito dei profughi in Jugoslavia durante il XX secolo.

 

 

 


Altre pubblicazioni

Il porto nel cuore. Ricordi, storie e protagonisti attraverso gli occhi di un portuale

Gorizia. Ricostruzione e identità nazionali (1947-1954)

Cultura al microfono. Vita, programmi e protagonisti i Rai Radio Trieste tra 1954 e 1976

«Il Piccolo» di Teodoro Mayer

Un prefetto della Resistenza? L’operato del conte Marino Pace a Gorizia. 1943-1945

Carabinieri a Gorizia 1942-1945. Memorie degli anni bui. Edizione riveduta ed aggiornata (2021)

Quando si depongono le armi. Spunti di ricerca nell’area al confine orientale 1945-1954

Loudovikos Skarpas. Il Consolato Greco a Trieste negli anni della Shoah (1938 - 1940)

«Si soffre ma si tace». Luigi Frausin, Natale Kolarič: comunisti e resistenti

Microfisica di un movimento Economia occupata. Trieste, dicembre 1969

«Si scopron le tombe» Ricordare. commemorare, evocare i caduti della Grande guerra

Cercare giustizia. L'azione giudiziaria in transizione. Atti del convegno internazionale: Trieste, 15-16...

Guido Miglia. Rivivere l'Istria

Il bibliotecario di Ventotene Mario Maovaz: un rivoluzionario per l’Europa dei popoli e l’autonomismo...

Gli «Ottimi italiani». Assistenza e propaganda italiana in Istria (1946-1966)

Il difficile cammino della Resistenza di confine. Nuove prospettive di ricerca e fonti inedite per una storia...

Diario di un regnicolo 1915-1919. Trieste, Wagna, Katzenau, Udine, Firenze, Macerata

«Offesa all’onore della donna». Le violenze sessuali durante l’occupazione cosacco-caucasica della...

Per fame o per convinto. Storie di vita e di Resistenza nel mondo contadino. San Leonardo Valcellina 1900-1950

Massoneria e irredentismo. Geografia dell’associazionismo patriottico in Italia tra Otto e Novecento

L’irredentismo armato. Gli irredentismi europei davanti alla guerra. Atti del Convegno di studi, Gorizia,...

Violenza e repressione nazista nel Litorale Adriatico 1943-1945

Redipuglia: il Sacrario e la memoria della Grande guerra 1938-1993

Memorie di partigiane e di partigiani della Provincia di Trieste

Carabinieri a Gorizia 1942-1945 Memorie degli anni bui

«La lotta è armata» Estrema sinistra e violenza: gli anni dell’apprendistato 1969-1972

La giustizia e la memoria. Luciano Rapotez, un caso giudiziario del dopoguerra

"Vita Nuova" 1945-1965. Trieste nelle pagine del settimanale diocesano

Fiume, D'Annunzio e la crisi dello Stato liberale in Italia

Storia e impegno civile. Con gli Atti della giornata di studio in ricordo di Teodoro Sala

Chi avrà Trieste? Sloveni e italiani tra due Stati

Il Fascismo italiano e gli Slavi del sud

Progettare il futuro. Le Acli di Trieste e dell'Istria 1945-1966

Orizzonti di guerra. Carso 1915-1917

Il confine scomparso. Saggi sulla storia dell'Adriatico orientale nel Novecento.

È bello vivere liberi: Ondina Peteani. Una vita tra lotta partigiana, deportazione ed impegno sociale.

Dietro la cortina di bambù. Dalla resistenza ai vietminh. Diario 1946-1958.

Le triestine. Donne volitive. Presenza e cultura delle donne a Trieste tra Ottocento e Novecento.

La seconda resistenza del CLN italiano a Pirano d’Istria nel dopoguerra (1945-1946).

Il Partito Nazionale Fascista a Trieste. Uomini e organizzazioni del potere 1919-1932.

Scuola e guerra fredda. Le istituzioni educative a Trieste 1945-1954.

«Sull’astro della miseria». Un paese e la dittatura. Concordia 1923-1939.

Trieste in guerra 1940-1945. Società e Resistenza.

Porzûs. La Resistenza lacerata.

La crisi di Trieste. Maggio-giugno 1945. Una revisione storiografica.

Fra Stalin e Tito. Cominformisti a Fiume 1948-1956.

Storia e memoria degli sloveni del Litorale. Fascismo, guerra e resistenza.

L’Austria nel Novecento dal primo al secondo dopoguerra.

Scuola e confine. Le istituzioni educative della Venezia Giulia 1915-1945.

Guadagnavo sessantun centesimi all’ora... Lavoro e lotte al Cantiere S. Rocco: Muggia 1914-1966.

Il tempo della memoria: settembre 1943- agosto 1944.

Vescovo e clero nella diocesi di Trieste- Capodistria 1938-1945.

Trieste in guerra. Gli anni 1938-1943.